domenica 13 dicembre 2020
60-1210
L’Epoca Della Chiesa Di Filadelfia

Cara Sig.ra Gesù,

Congratulazioni!

Quanto siamo eccitati di essere stati scelti per essere chiamati la preziosa Sposa di Gesù Cristo. Saremo ovunque sia il nostro Sposo. Egli non ci lascerà mai. Noi non lasceremo mai il Suo fianco. Condivideremo con Lui il Trono. Saremo incoronati con la Sua gloria e onore.

Sono i giorni più grandiosi e felici della nostra vita. I giorni che tutto il mondo ha desiderato e aspettato. Gesù, che viene per portare via la Sua Sposa scelta.

Anche lo Sposo è molto eccitato. Egli ha pianificato e aspettato questo giorno fin dall’inizio del tempo. Tutti i Suoi ospiti sono stati invitati e hanno accettato il Suo invito. Egli ha preparato per noi una grande cena al banchetto, con un tavolo lungo mille miglia.

Egli Stesso sarà con noi, e sarà il nostro Dio. Egli asciugherà tutte le lacrime dai nostri occhi. Non ci sarà più morte, né tristezza, né pianto, né ci sarà più alcun dolore: perché le cose di prima saranno passate e non le ricorderemo più.

Egli ci ha anche costruito una nuova casa in cui vivere. Una santa città, una nuova Gerusalemme, che scende da Lui dal cielo, preparata come una sposa adornata per suo marito.

Perché le cose di prima sono passate. Quanto è meraviglioso. Tutte le meravigliose promesse di Dio adempiute. Tutto sarà completato. Il cambiamento sarà completo. L’Agnello e la Sua Sposa stabiliti per sempre in tutte le cose perfette di Dio.

E quale nome riceve una donna quando sposa l’uomo? Lei riceve il SUO NOME. Sarà il SUO NOME che ci verrà dato.

Oh, Esso è miele nella roccia per noi, e lo stiamo leccando mentre ascoltiamo le Sue Lettere d’Amore ogni giorno. Continuiamo proprio a lucidare ogni pepita che udiamo.

Egli ci sta dicendo che abbiamo ricevuto una rivelazione della Sua suprema Deità. Egli non è una seconda persona di una trinità, ma Dio Stesso fatto carne e dimorante fra noi.

Io sono la Porta. Io sono la Via. Io sono la Verità. Io sono la Luce. Io sono l’Alfa e l’Omega. Io sono il Primo e l’Ultimo. Io sono il Padre. Io sono il Figlio. Io sono lo Spirito Santo. IO SONO la presenza vivente per l’Eternità.

Poi Egli ci dice per decreto Divino, che Egli preconosceva che saremmo stati la Sua Sposa. Egli ha scelto NOI; noi non abbiamo scelto Lui. Egli ha chiamato NOI; noi non siamo venuti da soli. Egli è morto per NOI. Egli CI ha lavati nel Suo sangue. Egli ha pagato il prezzo per NOI. Apparteniamo a Lui e a Lui soltanto. Egli è il nostro Re e noi siamo il Suo regno, la Sua possessione eterna. Siamo vincolati interamente a Lui ed Egli accetta l’impegno.

La Sua Sposa è in grande aspettazione di ascoltare la nostra lettera d’amore domenica alle 14:00 orario di Jeffersonville, mentre Egli ci porta – L’Epoca Della Chiesa di Filadelfia 60-1210. Egli ci rivelerà ancora una volta che siamo quella vera Sposa Parola che non sarebbe stata smossa, ma è rimasta e ha creduto ad ogni Parola.

Fratello Joseph Branham
(Sig.ra Gesù)

 

Scritture da leggere in preparazione all’ascolto del sermone: “L’Epoca Della Chiesa Di Filadelfia”:

San Matteo 1:1-2, 1:17-23, 16:13-18
San Giovanni 5:19, 10:5, 10:7, 10:27
Atti 15:13-14
Romani 2:29
Efesini 2:19-20
Apocalisse 2:13, 2:17, 3:7-12, 3:15, 7:9-17, 21:1-2

 


Traduzioni del sermone

Francese

Spagnolo

Portoghese

Italiano

Norvegese

Rumeno

Russo